13 dic 2011

Need For Speed: The Run

0 commenti


Molti anni fa, nel lontano 2003, mi aveva veramente colpito nfs: underground. Un gioco allora nuovo, dove la modifica delle vetture era la struttura portante del gioco. Oggi 8 anni dopo di quel gioco non è rimasta traccia.




Cenno alla trama
Benvenuti nel 2011 e benvenuti in un congegno infernale che sta per schiacciarvi dentro la vostra bellissima Porche rossa. Già The Run inizia così, con il botto, il vostro! La trama si basa principalmente sulla redenzione dai vostri peccati. Siete finiti in un losco giro e ora la mafia vi sta cercando... per tagliarvi la testa. Ma la vostra amica d'infanzia vi darà una possibilità. 2,5milioni di € di premio e la salvezza. L'unico ostacolo: una gara da 4400Km lungo tutta l'America. Un sogno?! Si, se non cercassero di uccidervi ogni 10 minuti. I paesaggi si alternano in maniera scacchistica e si correrà nelle pianure, nei canyon, sulla neve, insomma, preparati ad un'avventura diversa da tutte le altre, qui si fa sul serio!

Qualche pecca
La personalizzazione dei veicoli in The Run risulta praticamente nulla: infatti a parte la scelta del colore delle vetture e del body kit, le vetture risultano "preimpostate". Di sicuro non ci troveremo di fronte ad auto saltellanti o con neon in ogni dove. Certo il parco auto lo si può definire grandioso, ma non aspettatevi di modificare centraline e minigonne.. restere delusi.

Altro punto carente è la città. Certo anche in altre realizzazioni come Pro Street, non era presenta l'esplorazione, però c'è da dire che sarebbe stato l'elemento distintivo la possibilità di girovagare per New York o presso i vari canyon, peccato che questo non sia stato fatto, anche se avrebbe voluto dire cambiare completamente impianto di gioco e quindi la si può vedere come una scelta difficile, ma pur sempre una scelta che andava presa.

Parlando di rigidità vorrei sottolineare come le idee c'erano: i primi 3 minuti di gioco ti riempono di speranze come se stessi per giocare al gioco più innovativo e completo degli ultimi anni, per poi frantumarsi quando il numero di veicoli che corrono al tuo fianco sono fissi e non puoi superare in maniera spasmodica decine e decine di auto nello stesso livello. Limitante.
Arriviamo allo stile di guida. Personalmente dopo aver provato GRID e Dirt 3 lo stile di guida è parso un po' banaluccio. Certo non mi aspettavo di poter fare quanto facessi in Dirt, ma almeno un qualcosa di nuovo anche su questo piano lo si poteva portare. Inoltre dalla precedente edizione (Hot Pursuit) sono stati anche rimossi i potenziamenti, che davano qualcosa di più al gioco. Scansafatiche.

Però arriviamo anche alla parte "piacevole" del gioco. C'è da dire che le ambientazioni non sono niente male, i terreni diversi danno qualche insidia anche se veder sfrecciare una Audi R8 v10 a 250km/h sulla neve e riuscire a stare in pista come se fosse ad aderenza semi perfetta, lascia un po' con il dubbio di un gioco ancora non completo. Il terreno dà però qualche insidia, anche se si poteva fare molto di meglio. Incompleto.

L'idea di interagire con il protagonista e di dover evitare elicotteri e suv della mafia che cercano a tutti i costi di fermarci può piacere o non piacere, io sinceramente avrei utilizzato il tempo a migliorare altri aspetti piuttosto che una modalità di gioco così diversa dalle "solite".

Commento conclusivo

Insomma, sembra che il gioco non fosse ancora pronto; hanno voluto unire modalità di gioco troppo differenti e le hanno lasciate tutte a metà. E questo è un vero peccato. Da una casa che ha rivoluzionato l'idea di tuning e di gare clandestine, ci si poteva, anzi si doveva, aspettare qualcosa di più. E' un gioco nè carne, nè pesce.


Grafica: 9
Nulla da dire alla realizzazione grafica che a tratti lascia senza fiato.

Gameplay: 4
Come dicevo limitante.

Longevità: 4
2 ore e 10 minuti per finire la storyline principale sembrano      un po' pochine.


Sonoro: 7
La musica ci accompagna dolcemente nelle varie situazioni e ci regala un po' più di adrelina durante le fughe dalla mafia e le missioni dove vogliono ucciderci in generale.

Voto complessivo: 6.5

Lascia un Commento